Bloccati in parete dal ghiaccio: il Soccorso Alpino recupera tre escursionisti australiani

Bloccati in parete dal ghiaccio: il Soccorso Alpino recupera tre escursionisti australiani

Avevano calcolato male i tempi e le condizioni del terreno. Per fortuna, sono stati tratti in salvo dal Soccorso Alpino, altrimenti avrebbero rischiato l’assideramento. Brutta avventura per tre ragazzi australiani: ricorderanno a lungo la loro escursione sulle Dolomiti.

I tre (due ragazzi e una ragazza, tutti trentenni) erano partiti nella mattinata di venerdì 31 gennaio, attorno alle 9, per avventurarsi sulla ferrata Sci Club 18 sul Faloria. Non hanno considerato che i cavi erano nascosti dalla neve e quindi hanno impiegato un bel po’ ad avanzare. A tre quarti del percorso, ormai sfiniti dalla fatica, sono rimasti bloccati: impossibile procedere, impossibile tornare indietro.

L’allarme è scattato attorno alle 18. Una quindicina di soccorritori del Soccorso Alpino di Cortina, del Sagf e dei carabinieri si è mossa per aiutare i tre ragazzi. Le squadre si sono avvicinate in motoslitta fino al Rifugio Faloria, per poi proseguire a piedi e affrontare la ferrata dalla parte conclusiva. Difficile l’intervento, sia per il buio sia per la presenza di ghiaccio e neve sulla parete di roccia. I soccorritori hanno dovuto mettere in sicurezza tutta la calata attrezzando con numerose corde il tratto prima di poter raggiungere i tre. Uno alla volta gli escursionisti sono stati sollevati, portati fuori dal percorso attrezzato e accompagnati al Rifugio, per poi essere trasportati a Rio Gere. L’intervento si è concluso dopo le 22.30.

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su