Un luminare del turismo ingaggiato dalla Provincia: arriva Tom Buncle

Un luminare del turismo ingaggiato dalla Provincia: arriva Tom Buncle

Ha lavorato in quattro continenti per lo sviluppo del turismo. È stato chiamato dal governo di sua maestà per riportare l’Inghilterra sui mercati internazionali dopo la crisi dell’11 settembre. È autore del manuale sul marchio delle destinazioni turistiche pubblicato nel 2009 dall’Organizzazione mondiale del turismo delle Nazioni Unite e dalla Commissione europea per i viaggi. E adesso lavora per Belluno, per creare il brand della provincia dolomitica e portare in giro per il mondo un marchio riconosciuto, autorevole, forte.

Anzi, «un’identità riconoscibile e riconosciuta, il dna dolomitico di Belluno» per dirla con le sue stesse parole. Lui è Tom Buncle. E chi si occupa di promozione turistica e marketing conosce bene il suo nome. Il suo curriculum è un libro di geografia: dal Kenya all’Islanda, dai Caraibi alla Francia, passando per Norvegia, Grecia, Lituania… tutte collaborazioni internazionali per creare o rilanciare il brand di quei Paesi. Adesso verrà aggiunta una nuova collaborazione. Una sfida, quella delle Dolomiti bellunesi, che mr Buncle ha abbracciato con grande entusiasmo. E ieri (giovedì 19 novembre) l’ha detto in videoconferenza da Edimburgo (sì, perché tra le altre cose, è stato anche amministratore delegato dello Scottish Tourist Board – ora VisitScotland – l’organismo del suo Paese). «Cos’è un brand? È dare un’identità a un territorio. Le Dolomiti ce l’hanno ed è nota. Belluno ce l’ha ma è meno nota».

La Provincia ha presentato mr Buncle e anche un altro nuovo consulente. Si tratta di Roberto Locatelli, imprenditore della comunicazione, che ha lavorato per la creazione della destinazione turistica di località di montagna come Madonna di Campiglio e Courmayeur (ma anche per la promozione del brand di Firenze). Insieme lavoreranno al completamento del Piano Eurac “Vivere le Dolomiti”, quel piano di marketing territoriale da oltre 5 milioni di euro che vede la Provincia come titolare delle risorse e come unico soggetto attuatore. 

«Il Covid ha inevitabilmente stravolto i piani legati alla promozione turistica – hanno detto il presidente Padrin e il consigliere provinciale delegato al turismo, Danilo De Toni -. Ecco perché abbiamo bisogno di figure di questo calibro per ritarare e soprattutto alzare il tiro. Tra l’altro, ci aiuteranno anche a portare avanti le programmazioni future, non solo per il turismo, ma per altri progetti legati al marketing territoriale».

Alla fine, il turismo è solo una delle sfaccettature del marketing territoriale. Di fatto, Tom Buncle, Roberto Locatelli e la Provincia non puntano a “vendere camere” per dirla banalmente, bensì a dare un’identità riconosciuta al Bellunese. Il che vale anche per l’artigianato, l’agricoltura e tutti gli altri prodotti del territorio.

    

Roberto Locatelli, ha lavorato per destinazioni turistiche importanti come Firenze, Courmayeur e Madonna di Campiglio

 

Tom Buncle, autore del manuale sul brand dell’Organizzazione mondiale del turismo

 

TAG
CONDIVIDI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su