Riparte il campionato. Canottieri e Giorik in campo con il sogno promozione


Canottieri dal vivo. Sedico al pc. Dopo mesi di silenzio, torna a cantare il pallone del calcio a 5. E dira già oggi (sabato 17 ottobre) che stagione sarà per le bellunesi. Lo scorso campionato si era interrotto sul più bello, con la Giorik a un passo dal sogno e la Canottieri ammazzagrandi, calata perfettamente nel ruolo di mina vagante. Adesso? Parlerà il campo. Le ambizioni però non sembrano essere state intaccate dall’emergenza Covid. I Bortolini boys possono contare sullo zoccolo duro di ragazzi terribili, per la gran parte local. Il Sedico ha ancora giri nel motore, grazie alla corte di sudamericani dai piedi buoni. E proverà a farlo vedere già oggi, a Vazzola, contro il Miti Vicinalis. Match a porte chiuse, ma per i tifosi sedicensi c’è il canale YouTube della squadra, dove la partita sarà trasmessa in diretta (alle 16).

Per la Canottieri invece impegno casalingo contro la corazzata Pordenone. Alla Spes Arena si può entrare gratis: fischio d’inizio alle 15.45.

 

La Canottieri che verrà si affida a Soccal: sarà il coordinatore delle giovanili

Ruolo chioccia: per coltivare i giovani talenti e far decollare la Canottieri. Un ruolo su misura per Simone Soccal, nuovo coordinatore unico dell’area Junior. Avrà l’obiettivo di rilanciare il settore giovanile, fiore all’occhiello del calcio a cinque provinciale. I mezzi ci sono tutti, a partire dalle risorse umane. Tre le franchigie Under che prenderanno parte alla stagione 2020-2021 (19, 17 e 15), affidate a persone  di comprovata esperienza ed attaccamento ai colori biancoblù: l’Under 19 sarà allenata da Rino Capalbo, con l’aiuto di Daniele Boaretto; Mauro De Nardin sarà la guida dell’Under 17 (con aiuto allenatore Giovanni Potì); per l’Under 15 invece ci sarà Roberto De Toffol (con Diego Gomez). 

Toccherà a Soccal sovrintendere all’intera struttura giovanile. E anche scovare nuovi talenti da avvicinare alla disciplina del calcio a cinque e garantire continuità generazionale.

Nel frattempo, la prima squadra mette mattoni importanti nella costruzione della stagione che verrà. Blindati i portieri Del Prete e Dalla Libera, i gialloblù hanno incassato anche i “sì” di Orsi, Savi, Dal Farra e Reolon. Nelle prossime settimane non tarderanno ad arrivare altre conferme. 

 

Impresa in terra sudtirolese: la Canottieri mette in ginocchio il Bubi Merano

BUBI MERANO-CANOTTIERI BELLUNO 5-8

GOL: pt 3'12” Rafinha, 4'48” Juan Moreno, 5'34” Reolon, 10'17” Rotta, 14'14” Mair, 18'05” Vacca; st 2'31” Juan Moreno, 10'10” Nessenzia, 12’34” Juan Moreno, 14’08” Juan Moren, 16’03” Juan Moreno, 16'11” Caverzan, 19'06” Carlinhos.

BUBI MERANO: Romanato, Ouddach, Mair, Manzoni, Caverzan, Vacca, Trunzo, Carlinhos, Rafinha, Akkari, Rotondo, Ninz. Allenatore: Saiani.

CANOTTIERI BELLUNO: Dalla Libera, Bortolini, Rui Costella, Dall'O, Burigo, Reolon, Nessenzia, Dal Farra, De Battista, Juan Moreno, Rotta, Del Prete. Allenatore: Calvi (per squalifica di Bortolini).

ARBITRI: Sgueglia di Caserta e Mazzoni di Ferrara.

NOTE. Espulso al 17'00” Rotta per somma di ammonizioni. Ammoniti: Rafinha, Romanato, Vacca, Nessenzia.

 

I cavalieri che fecero l’impresa. Da ieri non è solo un film di Pupi Avati; è una bella storia. Star assoluta Juan Moreno; coprotagonista Reolon; ruoli di rilievo per Rotta, Dalla Libera, Del Prete, Dal Farra e tutti gli altri. Perché sono loro a fare l’impresa. Espugnare il fortino del Bubi capolista era riuscito finora solo al Sedico, in una gara da trincea. Ma vincere, stravincere e convincere in terra sudtirolese è un’autonomia che nessun altro si era preso finora. In più, il successo dei Bortolini boys riapre il campionato. Alla ripresa delle partite dopo l’emergenza coronavirus, il Bubi Merano primissimo dall’avvio della stagione potrebbe essere scavalcato in vetta alla classifica. Ecco un’altro elemento che avvalora l’impresa (e che fa contenta la Giorik, adesso a -5 dal primo posto, ma con una gara in meno).

LA CRONACA

E pensare che l’impresa parte in salita. Sì, perché è il Merano a passare in vantaggio. La capolista mette subito le cose in chiaro con Rafinha. Poi sale in cattedra Juan Moreno e rimette in carreggiata la Canottieri. Che passa subito dopo con l’altro Moreno, Reolon. E trova il tris con Rotta. La gestione del doppio vantaggio non è affar semplice contro la corazzata sudtirolese. Mair accorcia. E poco prima della sirena, ecco il 3-3 di Vacca (complice l’inferiorità numerica bellunese, per l’espulsione di Rotta).

La ripresa è il regno di Juan Moreno, che trova subito il gol del vantaggio Cano. Dalla Libera lo difende, mettendoci riflessi felini e determinazione nel parare il rigore di Vacca (fallo di mano di Rui Costella). Poi Nessenzia sigla il gol del 5-3; tradotto: sicurezza. Anche perché a questo punto il Bubi tenta l’uomo in più di movimento. E la mossa diventa esiziale. Juan Moreno buca tre volte la gabbia altoatesina, con due autentiche perle. Tripudio Canottieri. «Non ci prendono più» avrebbe detto Sandro Pertini. E in effetti… Il ritorno di fiamma del Merano è poca cosa: Caverzan e Carlinhos accorciano, ma non basta. 

 

Tante conferme e qualche novità: Canottieri e Sedico pronte a tornare in campo

Estate di conferme. Il futsal è pronto a ripartire da dove aveva interrotto la stagione scorsa. Proprio da lì. Dalle stesse squadre e dagli stessi uomini. Sedico e Canottieri Belluno stanno incassando in questi giorni le dichiarazioni d’amore dei loro talenti. E quindi, anche le prospettive saranno le stesse dello scorso anno: Giorik equipaggiata per tentare la scalata alla serie A2, e Bortolini boys disponibili a recitare il ruolo di “guastafeste”, squadra ostica per tutti, come hanno dimostrato le ultime prestazioni prima del Covid.

Sul fronte sedicense, la notizia più attesa è quella della conferma di Christian Dos Santos. La macchina da gol carioca (oltre cento reti in maglia Giorik) ha deciso di farsi la quarta stagione consecutiva al Palaricolt. Con lui anche tutti gli altri della banda, più Gabriel Focosi Eller (brasiliano classe ’98, che vanta esperienze di A2) e Andrea Rossi (talentuoso ex Carrè Chiuppano e Villorba).

Conferme importanti anche in casa Canottieri. Juan Moreno, uno che ha fatto svoltare la stagione scorsa, ha deciso di restare ancora diverse settimane fa. In più, c’è il gradito ritorno di Mati Florez, argentino arcigno con il vizietto del gol. Se ci si aggiungono i tre giovani di belle speranze passati dalla Primavera alla prima squadra (Bortolini, Di Donato e Dall’O), il gioco è fatto.

 

Il campionato è finito per la Giorik Sedico: i brasiliani tornano a casa

La dirigenza non l’aveva mai nascosto. Il presidente Deon nelle ultime settimane l’aveva detto più di una volta che la stagione non aveva motivo di andare avanti e che sarebbe stata archiviata senza vincitori né vinti. Adesso è definitivo. Almeno in casa della Giorik Sedico: il campionato è finito, andate in pace. 

La società ha lasciato partire i suoi gioielli. Storti, Vitinho, Pitondo e il campione Dos Santos hanno fatto ritorno in Brasile. Di sicuro, non torneranno fino al prossimo anno. Neanche se il campionato (ipotesi sempre meno probabile) dovesse riprendere nel giro di qualche settimana. Per concludere la stagione mancherebbero cinque gare, ma i tempi sono sempre più stretti, mentre l’emergenza sanitaria non accenna a scemare. Quindi, liberi tutti, o quasi. Che equivale ad abdicare alla scalata alla serie A2. Almeno per quest’anno.

 

Nella tana della capolista: la Canottieri cerca l'impresa, con il tifo del Sedico

Occhi puntati su Merano. Il futsal si risolve tutto qui, per la 18. giornata di serie B. Il coronavirus ha costretto al rinvio i match in programma; tutti, tranne Bubi Merano-Canottieri Belluno. Che a questo punto diventa sfida dai mille interessi. Su tutti, quello del Sedico, che se ne starà in divano a tifare i Bortolini boys. Incredibile, ma vero. 

Dopo il derby vinto dalla Canottieri qualche settimana fa (stop che potrebbe essere esiziale per la corsa della Giorik), adesso la squadra bellunese potrebbe fare un favore ai sedicensi. Perché il Bubi è primo e un rallentamento della capolista gioverebbe alle inseguitrici, Giorik compresa. Certo, il compito è ai limiti della mission impossible: gli altoatesini hanno un ruolino di marcia da schiacciasassi e nella loro tana sudtirolese hanno perso solo una volta; proprio contro il Sedico. La Canottieri, invece, viene da buone prestazioni, ma non da buonissimi risultati. Però, mai dire mai. Stavolta c’è anche il tifo dei rivali Giorik... che cade il 29 febbraio, una volta ogni quattro anni, insomma.

Fischio d’inizio alle 16.

 

niq multimedia s.r.l.s.

Via degli Agricoltori, 11
32100 BELLUNO

Codice Fiscale e Partita IVA: 01233140258

Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019