Sindaci al fianco di Liliana Segre: «L’odio non ha futuro»

Sindaci al fianco di Liliana Segre: «L’odio non ha futuro»

È sopravvissuta ai campi di sterminio nazista. E ora vive sotto scorta, in seguito alle continue e ripetute minacce di stampo antisemita. Ma Liliana Segre non è sola. E la conferma è arrivata da Milano, dove più di seicento sindaci hanno dato vita a una marcia di solidarietà per dire no all’odio, al razzismo e a qualsiasi forma di intolleranza e sopruso. 

OGNI COLORE POLITICO 

Nel lungo serpentone di fasce tricolori, non è mancata un’ampia rappresentanza bellunese: a completare il tragitto da piazza Mercanti a piazza della Scala c’erano Jacopo Massaro (sindaco di Belluno), Paolo Perenzin (Feltre), Roberto Padrin (Longarone), Camillo De Pellegrin (Val di Zoldo), Franco De Bon (San Vito di Cadore) e Pierluigi Dal Borgo (assessore del Comune di Ponte nelle Alpi). Primi cittadini e amministratori «di ogni colore politico e da ogni parte d’Italia – ha commentato Massaro, attraverso il suo profilo Facebook -; da destra a sinistra, dal nord al sud. Siamo tutti rappresentanti di comunità fatte di cittadini con sensibilità diverse e con le necessità più varie, ma uniti da una necessità comune: che i nostri figli crescano in un clima di pace e di democrazia, non di odio o sopraffazione. Abbiamo accompagnato Liliana Segre, una delle poche testimoni viventi dell’odio perpetrato nei campi di concentramento, in spregio alla vita e alla sua dignità, per testimoniare che un clima diverso è possibile».

DIALOGO 

I sindaci sono pronti ad aprire una nuova fase improntata sul dialogo: «Siamo i rappresentanti di tutti e non di una parte o di un partito. Rappresentiamo anche chi non ci ha votati o non la vede come noi. E sentiamo su di noi la responsabilità di rispettare, ascoltare e rappresentare ogni cittadino. Anche a Belluno siamo abituati così: a lavorare per tutti e non per una parte. Per questo non potevamo non esserci».

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
No data was found
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su