«Sanità bellunese: la mancanza di medici è la madre di tutte le battaglie»

«Sanità bellunese: la mancanza di medici è la madre di tutte le battaglie»

 

«Il vero problema della sanità bellunese? È la mancanza dei medici: su questo fronte dobbiamo impostare una “battaglia”. Anzi, la madre di tutte le battaglie».

Ad affermarlo è il consigliere regionale, Franco Gidoni. «Qui ci giochiamo molto. Ed è poi fondamentale avere quella flessibilità che ci consenta di pagare di più i professionisti che lavorano nelle zone maggiormente disagiate». 

Proprio a livello sanitario, negli ultimi giorni, i Comitati della Salute avevano criticato l’operato della Regione. Soprattutto dopo il caso del distacco di placenta e della corsa dal Comelico a Belluno: «Sia chiaro, non voglio entrare nel merito del singolo caso – prosegue il consigliere della Lega -. Tuttavia, è bene chiarire alcuni aspetti: il nostro sistema deriva dalla legge regionale 1994, n. 56. Ovvero, quella che regola il servizio socio-sanitario e definisce i compiti della Regione, oltre ai ruoli dei Comuni nella programmazione. E c’è poi il Dm 70 al quale dobbiamo sottostare». 

Gidoni prende come esempio le sale operatorie delle strutture periferiche: «Non possono essere aperte giorno e notte, con la presenza del personale medico. Il Dm non ce lo consente. Anche perché è necessario che la struttura ospedaliera abbia una serie di supporti: a cominciare dai letti per la rianimazione. Senza considerare che una sala operatoria può rimanere inattiva a lungo, magari per 36 o 48 ore: la riapertura improvvisa sfocerebbe in una serie di problemi legati alla sanificazione». Portare avanti una gravidanza in Cadore o nell’Agordino, quindi, non dovrebbe creare perplessità: «Perché un’ostetrica segue la futura mamma lungo l’intero percorso e, qualora dovessero emergere dei problemi, la donna verrebbe presa in carico da un medico. Esistono una rete di monitoraggio e un sistema di affiancamento sul territorio che consentono di guardare con fiducia al futuro». 

Gidoni, infine, apre le porte alla telemedicina: «Oggi, nei laboratori di analisi, tutto è automatizzato. Immaginare ogni presidio in cui, al posto delle macchine, ci siano delle persone che con bilancini e reagenti facciano le analisi, trovo sia una posizione superata. Così come è superata l’idea di tornare alle due Ulss: avere un’unica regia ci ha permesso di gestire l’emergenza Covid con buoni risultati».

TAG
CONDIVIDI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su