Nevegal

Nevegal figlio di nessuno. Il consigliere dell’Unione Montana delegato al Colle rimette l’incarico e lascia tutto nelle mani del presidente Vendramini. Alla vigilia della stagione estiva e con la struttura di Pian Longhi ancora ferma ai box, c’è il rischio di una grana non da poco per la montagna di Belluno e Ponte nelle Alpi.

La rinuncia arriva come un fulmine a ciel sereno. Paolo De Vettor, consigliere in Unione Montana, aveva ricevuto la delega a occuparsi del Nevegal. Ieri, però, l’addio. Con una lettera al presidente Vendramini in cui pare di poter leggere diversi malumori, specialmente per l’immobilismo dell’ente e la mancanza di volontà nei confronti del Colle.

«Che fine faranno i nostri progetti di rilancio e cosa ne sarà di Pian Longhi?» si chiedono dall’associazione Nevegallika. «Avevamo proposto diversi progetti di rilancio al consigliere De Vettor. Adesso vorremmo sapere chi li riprenderà in mano». Nevegallika da anni spinge per la creazione di un circuito di ski-roll a Pian Longhi, utilizzabile anche d’inverno come pista da fondo. E ultimamente sta guardando anche alla zona della Faverghera, per ripristinare il vecchio percorso da sci stretti e provare a creare una sorta di “parco avventura”.

«Si tratta di idee semplici, ma efficaci per ridare slancio al Nevegal, una località che può vivere di turismo semplice, di escursionismo a misura di famiglia - continuano dall’associazione -. C’è solo bisogno di qualcuno che ci creda. Speriamo che l’Unione Montana ci creda per davvero. Anche se finora non lo ha mai dimostrato».

 

niq multimedia s.r.l.s.

Via degli Agricoltori, 11
32100 BELLUNO

Codice Fiscale e Partita IVA: 01233140258

Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019