Concerti, danza e circo-alpinismo: al via il cartellone invernale della cultura

Concerti, danza e circo-alpinismo: al via il cartellone invernale della cultura

Otto appuntamenti tra concerti, danza e circo-alpinismo. Più un progetto nel progetto: si tratta di “Nell’Olimpo di Beethoven”, un percorso pluriennale che accompagnerà musicalmente la Regina delle Dolomiti verso le Olimpiadi del 2026. Quindi, su il sipario su CortinAteatro. La stagione concertistica e teatrale ampezzana coorganizzata dal Comune di Cortina d’Ampezzo e dall’associazione trevigiana Musincantus con il supporto del Circuito Multidisciplinare Regionale Arteven torna con un ricco cartellone invernale. 

La programmazione inizierà domenica 5 dicembre e prevede otto appuntamenti, fino al 19 marzo 2022: si tratta di proposte trasversali, che spaziano tra generi e target differenti, in dialogo costante con le realtà del territorio, per incontrare l’interesse del pubblico variegato della Regina delle Dolomiti. 

Non manca tuttavia una grossa novità, un vero e proprio “progetto nel progetto”, che legherà da quest’anno e fino al 2026 Cortina d’Ampezzo, Treviso e Legnago (Verona), tre località che sono espressione di una partnership d’eccellenza tra Musincantus, il Maestro Donato Renzetti con il progetto Obiettivo orchestra della Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo, il Concorso Pianistico Internazionale Ferruccio Busoni, l’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta e la Filarmonica TRT – Teatro Regio Torino. Si tratta di Nell’Olimpo di Beethoven, un percorso pluriennale che culminerà nel 2026, anno olimpico, l’esecuzione integrale dei concerti per strumento di Beethoven: i virtuosi del pianoforte e orchestra come i campioni sportivi, il direttore d’orchestra come l’allenatore del team e tutti insieme una squadra musicale che brillerà nel 2026. L’iniziativa è patrocinata dal Ministero della Cultura, dalla Regione Veneto e dalle Provincie di Treviso e Belluno.

«La stagione invernale 2021 2022 – spiega Edoardo Bottacin, direttore artistico di CortinAteatro e presidente di Musincantus – punta sull’internazionalità con interpreti italiani che sono diventati ambasciatori della musica italiana nel mondo, come il Maestro Donato Renzetti, e star globali come il soprano venezuelano Ines Salazar o il Russian Classical Ballet. Non manca poi la trasversalità, diventata segno distintivo di CortinAteatro, con un notevole investimento su nuovi generi». 

«La Regina delle Dolomiti torna a indossare le sue più belle vesti invernali, dagli scenari innevati, allo sport in alta quota, agli appuntamenti d’eccellenza con il glamour e la cultura – dichiara Gianpietro Ghedina, sindaco di Cortina -. Tra questi, Cortinateatro è diventato un punto di riferimento per la nostra comunità, in grado di attrarre non solo un vasto pubblico di visitatori e ospiti nazionali e internazionali, ma anche di curare la formazione artistica con progetti di altissimo profilo che si affiancano alla realizzazione delle Olimpiadi Milano Cortina 2026».

Il programma invernale

La stagione sarà inaugurata domenica 5 dicembre all’Alexander Girardi Hall alle 20.45, in occasione della Cortina Fashion Week, con Le grandi colonne sonore interpretate dal gruppo SeiOttavi, che proporrà le più belle e coinvolgenti musiche da film eseguite soltanto con la voce, senza l’uso di strumenti, in continuità con l’Omaggio a Morricone proposto a febbraio 2020. 

Domenica 19 dicembre all’Alexander Girardi Hall alle 20.45 farà il proprio esordio a Cortina Nell’Olimpo di Beethoven, con il concerto con Jae Hong Park, vincitore del 63° Concorso Pianistico Internazionale Ferruccio Busoni, il direttore d’orchestra Donato Renzetti e l’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta.

L’anno si concluderà nel più tradizionale ma anche nel più atteso dei modi, giovedì 30 dicembre con il Concerto di Capodanno.

Venerdì 7 gennaio 2022 si tornerà in teatro, all’Alexander Girardi Hall alle 20.45, per assistere alla messa in scena sulle punte della favola natalizia per antonomasia, organizzata con il supporto del Circuito Multidisciplinare Regionale Arteven: Lo Schiaccianoci, uno dei più celebri balletti russi, proposto dal Russian Classical Ballet di Mosca.

Si proseguirà quindi domenica 27 febbraio 2022 con una prima assoluta, White Out – La conquista dell’inutile, una nuova produzione di danza-circo-alpinismo con la regia di Piergiorgio Milano che esordirà all’Alexander Girardi Hall alle 20.45.

A precedere la Pasqua, lunedì 14 marzo 2021 alle 20.45 all’Alexander Girardi Hall si potrà assistere a un grande classico di questo periodo dell’anno, Gloria & Magnificat di Antonio Vivaldi.

Nello spazio della Conchiglia in piazza Debona, infine, sono in programma due appuntamenti ad ingresso libero: il concerto gospel Alessandro Pozzetto & The Christmas stars martedì 28 dicembre 2021 alle 18; e lo spettacolo per bambini Le avventure di Clown Crostino lunedì 3 gennaio 2022 alle 18.

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su