Auto elettrica “attaccata” alle prese comunali. «Si può fare?»

Auto elettrica “attaccata” alle prese comunali. «Si può fare?»

C’è un’auto elettrica che si ricarica attaccata alle prese comunali, utilizzate dal mercato settimanale. «Chissà se si può?». A interrogare l’amministrazione Perenzin sono i consiglieri di minoranza. 

Gianfilippo Capuano e Alberto Vettoretto (Lega) hanno visto qualcosa di strano qualche sera fa. Un’auto elettrica parcheggiata in via Campo Giorgio, all’altezza dell’ingresso della galleria Romita. Niente di eccezionale fin qui. Solo che l’auto era attaccata con un cavo di ricarica al quadro elettrico di distribuzione a uso del mercato settimanale. 

Da qui, la domanda. «Il quadro elettrico rispetta le attuali norme per l’erogazione di corrente ad automobili elettriche o ibride? – chiedono i due consiglieri -. La ricarica di veicoli elettrici presso i parcheggi di via Campo Giorgio è consentita a tutti i cittadini liberamente? Viene chiesto un corrispettivo per l’energia elettrica consumata? E come viene calcolata?».

TAG
CONDIVIDI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su