Affluenza da record: le urne per il consiglio provinciale raggiungono l’84%

Affluenza da record: le urne per il consiglio provinciale raggiungono l’84%

Quasi come nel 2014. Solo che allora era il debutto della legge Delrio. Stavolta invece l’ibrido della Provincia di secondo grado è diventato un’abitudine. Fatto sta che l’affluenza alle urne è arrivata all’83,68%; 590 votanti su 705. L’unico dato simile risale all’ottobre 2014, quando si votava contemporaneamente per il primo presidente e per il primo consiglio post-Delrio: 84% (le precedenti elezioni del consiglio, gennaio 2018, l’affluenza si era fermata al 55%). Stavolta, invece, si è votato solo per il rinnovo del consiglio di Palazzo Piloni. Anche se, a dirla tutta, pure stavolta c’era una prima volta: quella della politica che entra appieno nella partita Provincia. 

Due liste, una di Centrodestra, l’altra di Centrosinistra. E addio ai “patti tra gentiluomini” che avevano contraddistinto finora tutte (o quasi) le urne provinciali. Forse è proprio questo che ha richiamato la gente al voto. 

Dal dato dell’affluenza bisogna passare allo spoglio, in programma stamattina. Dovranno uscire dieci nomi, per altrettanti seggi. L’ipotesi più probabile è che sei andranno al Centrosinistra e quattro al Centrodestra. Ma le sorprese sono sempre dietro l’angolo in questo genere di elezioni.

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su