Consiglio comunale dei ragazzi: aderiscono oltre cinquanta studenti

Consiglio comunale dei ragazzi: aderiscono oltre cinquanta studenti

 

I giovani si avvicinano alla sfera pubblica. Sono più di cinquanta gli studenti delle scuole medie di Puos e Farra che hanno aderito al progetto legato al “Consiglio comunale dei ragazzi” in Alpago. L’iniziativa, nata alcuni anni fa a Pieve, è stata ora estesa al territorio del nuovo comune unico, con lo scopo di avvicinare i più giovani alle istituzioni locali e renderli attivamente partecipi alla vita comunitaria.

Nei giorni scorsi, con il sindaco Umberto Soccal e la vice Vanessa De Francesch, si è tenuto il primo incontro di presentazione: presenti pure i vertici del consiglio dei ragazzi di Lozzo di Cadore, oltre all’ex sindaco del consiglio dei ragazzi di Pieve, che oggi ha 25 anni. Tra i primi impegni, spiccano la redazione del regolamento e dello statuto, oltre alle elezioni che porteranno a individuare le cariche rappresentative: «I ragazzi sono il futuro della nostra comunità, non ci stancheremo mai di sottolinearlo – commenta Umberto Soccal -: anche questa iniziativa va nel senso di investirli di una prima forma di partecipazione e di responsabilità per tradurre in atti concreti l’educazione civica, che deve costituire una parte importante del loro bagaglio culturale».

Sulla stessa frequenza di pensiero, Vanessa De Francesch: «Il consiglio è e rimarrà aperto all’adesione di tutti gli studenti delle medie che vorranno farne parte. E intende favorire il senso di appartenenza alla nuova realtà comunale. Unità e condivisione sono caratteristiche dei giovani nostri concittadini. E ci auguriamo possano sfociare, un domani, anche nell’impegno sociale e amministrativo».

Dal canto suo, infine, la dirigente dell’Istituto Comprensivo, Orietta Isotton, ha espresso la «soddisfazione per l’esperienza fatta nell’ambito del consiglio di Lozzo, capace di distinguersi negli anni per il ricco ventaglio di attività e per l’entusiasmo con cui è cresciuto nel tempo. Tanto che, nel 2019, i ragazzi hanno ricevuto un importante riconoscimento da parte del Prefetto di Belluno».

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su