Quattro serate per ripartire: al via "PedavenaEstate 2020"

 

Obiettivo: ritrovare il senso della normalità. Con la cultura e con lo spettacolo. Anzi, quattro spettacoli. Li organizza il Comune di Pedavena, in modalità itinerante, tra le frazioni, fino a settembre. Del resto, la rassegna si intitola “PedavenaEstate 2020”.

Il sipario si alza domani (venerdì 31 luglio) alla Piccola Arena Vajont ’63 (nei pressi della biblioteca civica), dove alle 21 ci sarà “Demenzio”, spettacolo di mimo-clown incentrato su un personaggio strampalato, interpretato da Fausto Giori, dalla comicità surreale e funambolica, con gag irresistibili e originali, spesso improvvisate nel contatto (a distanza) con il pubblico.

Venerdì 14 agosto la rassegna si sposta all’ex Campo Sportivo di Murle con il concerto del Gruppo “Fat Lay Back” composto da Elia Sommacal (batteria, voce) Damiano Grando (basso), Francesco Fantozzi (sax tenore e contralto) e Francesco Domenichini (chitarra, voce). Venerdì 28 agosto tappa nel Cortile di Villa Giovanna a Norcen, per lo spettacolo di burattini a guanto “Storia di Giovanni che poi divenne Francesco” della Compagnia Politheater: una rappresentazione molto delicata che ripercorre in forma originale la storia del poverello d’Assisi. Chiusura con il botto, sabato 5 settembre al Pian d’Avena (area picnic del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi) con lo spettacolo teatral-musicale “Mostri, miracoli e misteri: una notte con Dino Buzzati”; protagonista l’attore Vasco Mirandola, affiancato dalla formidabile Piccola Bottega Baltazar. 

 

Da Pedavena a Rio Grande do Sul: l’esempio e il coraggio di Anna Rech

 

La storia di oggi ci porta da Pedavena in viaggio verso il Brasile con Anna Pauletti Rech.

Siamo a fine 1800: precisamente, nel 1875. Anna Rech non aveva studiato, anzi, forse non sapeva leggere, né scrivere.

Nacque a Pren, nel 1828, e si sposò a soli 19 anni con Osvaldo, da cui ebbe sette figli.

Rimase vedova a 47 anni, con una famiglia da crescere e una vita non facile da affrontare. Anna, però, non si fece abbattere: doveva andare avanti per dare un futuro ai suoi adorati figli. Con i quali partì: destinazione, Brasile.

Ci misero quattro lunghissimi mesi per arrivare alla meta, attraverso un lungo ed eterno viaggio della speranza. Giunta nel Sud del Brasile, lo Stato le concesse due lotti di terra: 25 ettari a Rio Grande do Sul, una zona di passaggio strategica per i tanti che, per lavoro, dovevano spostarsi.

Anna lo intuì subito: non serviva avere un’istruzione, ma lei intelligente lo era. Aveva un innato spirito imprenditoriale e di iniziativa.

Inizialmente svolgeva qualsiasi lavoro, anche la balia. Poi, grazie all’aiuto dei figli, trasformò la casa colonica in cui viveva in una locanda: dava ospitalità a viandanti e vendeva generi di prima necessità.

Negli anni, questo luogo divenne il punto di riferimento di commercianti, viaggiatori e allevatori. Intorno alla locanda, l’area, un tempo isolata, iniziò così a popolarsi di case e persone che lì volevano vivere.

Era un punto nevralgico, a tal punto da diventare famoso: Ana Rech, si chiamò nel tempo, per adattamento all’idioma locale. 

Questo ci fa capire la forza, la tenacia e lo spirito di sacrificio di una donna che, pur senza istruzione e da sola, è diventata un esempio per tutti.

 

#Noicisiamo fa tappa a Pedavena: due giorni di radio e promozione territoriale

Tappa a Pedavena: musica a tutta birra. Sbarca nel piazzale della storica birreria la seconda tappa di #Noicisiamo il tour radiofonico itinerante del gruppo Shera Holding. Oggi e domani (13 e 14 giugno) Radio Company, Radio Padova e Radio Wow saranno in diretta con lo studio mobile. Tre le dirette live in programma. Si inizia questa sera dalle 22 a mezzanotte sulla giovanissima Radio Wow; si prosegue domani mattina dalle 10 a mezzogiorno su Radio Padova, per arrivare alla diretta su Radio Company dalle 15 alle 18. 

Gli speakers delle tre radio in collegamento live daranno voce a racconti e progetti attraverso le testimonianze di amministratori, imprenditori e di tutti coloro che si dedicano alle iniziative nel cuore della Valbelluna. Lunga la lista degli ospiti: dai sindaci di Pedavena e Feltre a Ivan Piol (presidente Sportful Dolomiti Race); dal Consorzio Dolomiti Prealpi alla Dmo Dolomiti, passando per tutte le realtà che animano il territorio. L’idea del gruppo Sphera è quella di portare la radio direttamente nelle case e nei luoghi turistici del Veneto. Tra una canzone e un’altra, verrà data voce a un territorio e ad un’economia messi alla prova dal lockdown, ma pronti a ripartire.

«I nostri territori stanno reagendo con dignità e forza al post Covid – ha raccontato al microfono di Radio Company domenica scorsa  l’assessore al turismo della Regione del Veneto, Federico Caner -. 

Con #Noicisiamo la radio svolge un prezioso servizio pubblico e garantisce, seppur a distanza e senza rischi, un’aggregazione sociale e umana di cui avvertiamo un fortissimo bisogno».

 

niq multimedia s.r.l.s.

Via degli Agricoltori, 11
32100 BELLUNO

Codice Fiscale e Partita IVA: 01233140258

Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019