Mountain bike

 

Duecento coppie per rendere indimenticabile l’edizione 2020 della Pedalonga: dopo la pandemia, riparte lo sport. E riparte, soprattutto, la Marathon bike del Comelico (domattina, "start" alle 8.30). 

Sarà un appuntamento speciale. Perché avviene in un momento storico del tutto anomalo. Ma anche per la qualità degli atleti al via. Un nome su tutti? Il campione del mondo in carica di mtb marathon, Leo Paez. 

La Pedalonga è stata presentata ufficialmente nel municipio di Comelico Superiore: «La mountain bike è sinonimo di salute e turismo - ha affermato il sindaco Marco Staunovo Polacco -; fa piacere che ci sia gruppo di giovani in Comelico desideroso di portare avanti la passione delle ruote grasse. Mancheranno alcuni aspetti tradizionali della Pedalonga, come la pastasciutta al termine della gara, ma l’organizzazione è importante e lo confermano le presenze all’edizione di quest’anno».

A proposito dell’organizzazione, è in mano allo Spiquy Team, mentre il percorso, rispetto al recente passato, è stato corretto. E reso ancor più suggestivo: «Grazie a chi ha avuto la forza e la determinazione per mettere in piedi questo evento - ha dichiarato il presidente della Provincia, Roberto Padrin -. Un evento che ha la valenza di far ripartire lo sport e di promuovere il territorio. In questo senso, il campione del mondo in carica dà grande lustro all’edizione 2020. L’augurio è che il prossimo anno si possa correre in regime normale».

L’iridato Leo Paez gareggerà con Massimo Rosa: «Per noi è importantissimo riprendere. Ho avuto qualche difficoltà a rientrare dalla Colombia: non a caso, la voglia di correre è tanta. Domani sarà bellissimo». Al via pure Massimo De Bertolis (3 medaglie bronzo, oro mondiale) e il grande Mirko Tabacchi, biker di Pieve di Cadore: «Mi aspetto una bella competizione, di rilievo. Il percorso? L’ho provato: è tosto. E con un dislivello importante».

 

niq multimedia s.r.l.s.

Via degli Agricoltori, 11
32100 BELLUNO

Codice Fiscale e Partita IVA: 01233140258

Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019