Triathlon

 

Lo sport in Alpago è ripartito: nel segno del triathlon. E dei giovani: quasi 200 hanno inaugurato l’era post Covid con l’Aquathlon Kids e Mini. A curare la regia, Silca Ultralite Vittorio Veneto: la società guidata dal presidente Aldo Zanetti, sostenuta dall’amministrazione comunale di Alpago e dalla Federazione Italiana Triathlon, ha fortemente voluto questa manifestazione. 

È stata una ripresa densa di emozioni. Quelle dei più piccoli in gara, ma anche dei tecnici, degli accompagnatori, degli organizzatori, dei volontari. E poi lei, la prima concorrente a entrare in acqua: Ginevra Soldi di Bologna, mini-cucciola bolognese di 7 anni (in gara pure il gemello Giacomo) che insieme a mamma Chiara e papà Francesco (triathleta) è arrivata in terra bellunese per una visita ad amici. «Il triathlon mi piace - ha raccontato la piccola - perché posso nuotare, andare in bicicletta e correre. In pratica, mi diverto più degli altri perché faccio più sport in una volta sola». 

Alla fine, nessuna classifica, ma solo un registro con i tempi e una medaglia per tutti. Come da regolamento, inoltre, la temperatura dell’acqua a 21 gradi non ha consentito le tre classiche frazioni, ma ha rimodulato la prova su due frazioni, di nuoto e corsa a piedi, con distanze diverse a seconda delle categorie.

Soddisfatto l’assessore al Turismo del Comune di Alpago, Federico Costa. «Che grande gioia vedere il lago colorato dai body di questi giovanissimi atleti. Non è semplice organizzare un evento di tale portata, con le restrizioni per la sicurezza anti-Covid, ma siamo convinti che ripartire con lo sport sia un messaggio di speranza, di voglia di andare avanti, di ripartenza per tutti. Un passo verso il ritorno alla normalità». 

Oggi, invece, spazio alla gara di paratriathlon (ore 8) e alla Triathlon Sprint Gold Silca Cup: alle 9 lo start delle donne e alle 10.45 quello degli uomini.

 

niq multimedia s.r.l.s.

Via degli Agricoltori, 11
32100 BELLUNO

Codice Fiscale e Partita IVA: 01233140258

Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019