Campionati dilettantistici: troppi positivi al Covid, sospesa la prima giornata

 

Ancora troppo alto il rischio di contagi. E soprattutto il numero di positivi al Covid: così, viene sospesa la prima giornata dei campionati dilettantistici.

Non si giocherà, quindi, sabato 12 e domenica 13 settembre: né in Promozione, né in Prima e Seconda categoria. E tantomeno a livello giovanile, tra Juniores, Allievi e Giovanissimi. 

Lo ha comunicato ufficialmente il Comitato regionale della Figc: «Presa conoscenza del nuovo Dpcm - si legge nella nota - constatato l’evolversi della situazione sanitaria, con casi di positività tra le squadre, in attesa di delucidazioni da parte degli organi sovraordinati in riferimento all’isolamento fiduciario (provvedimento che, se rimanesse tale, rischia di inficiare il futuro dell’attività), il Consiglio direttivo delibera di sospendere la prima giornata». La data per il recupero sarà resa nota nei prossimi giorni. 

Ieri, intanto, sono usciti i calendari: clicca qui per scoprire il cammino delle bellunesi, giornata dopo giornata.

 

Alla corte di Berlusconi e Galliani: il feltrino De Paoli firma col Monza

 

Filippo De Paoli sbarca nel professionismo. E in una delle realtà più ambiziose del panorama calcistico italiano. 

Anche se non milita in A, bensì nella categoria cadetta. Sì, perché stiamo parlando del Monza: la società di Silvio Berlusconi e Adriano Galliani. Dopo aver fatto grande il Milan, il duo punta ora a riportare il club brianzolo nella massima serie. Con la guida tecnica di mister Cristian Brocchi. 

Un motivo d’orgoglio, quindi, per il talento, classe 2002. E per l’Union Feltre: dopo i fratelli Cossalter, al Bologna, ora anche De Paoli spicca il volo verso il calcio d’élite. 

Anche se Filippo, almeno inizialmente, sarà chiamato a dare il suo contributo nella formazione Primavera: «L’accordo sottoscritto tra le società - si legge nella nota del club verdegranata - prevede il trasferimento in prestito del calciatore per la stagione 2020/2021 con un diritto di riscatto a favore del Monza e ulteriori parametri di valorizzazione legati al raggiungimento di determinati. Tutti i dirigenti e collaboratori dell’Union esprimono profonda soddisfazione nel vedere un altro ragazzo del settore giovanile feltrino entrare a far parte del calcio professionistico. Una tradizione che ormai quasi ogni anno si ripete, certificando l’ottimo lavoro svolto dagli allenatori e dallo staff tecnico».

 

Dieci chilometri a nuoto nelle acque siciliane: l'impresa di Matteo Sogne

 

Ben 121 nuotatori, tra agonisti e Master, si sono sfidati nelle acque siciliane, davanti alle coste di Milazzo: nel Grand Prix Sicilia Open Water. E fra loro c’era anche un bellunese: Matteo Sogne, master M40 della Sportivamente Belluno. 

Nonostante la stagione agonistica sospesa a causa della pandemia, Matteo ha deciso di mettersi alla prova. E di percorrere a suon di bracciate i 10 chilometri di una competizione ormai storica, in acque libere e riconosciuta dalla Fin (la Federazione italiana nuoto). Sogne non è nuovo a imprese di questo tipo, visto che l’anno scorso si era cimentato nella traversata dello Stretto. Ma la distanza era inferiore: quasi 4 chilometri in meno. 

Il portacolori della Sportivamente è riuscito a completare la prova in 2h53”. E si è meritato un ottimo piazzamento in classifica (21. su 64 fra i Master assoluti e quarto di categoria), frutto degli intensi allenamenti in piscina, a Lambioi e al lago del Mis. «Sì, abbiamo alzato un po’ l’asticella - spiega il protagonista - ed è andata bene. È sempre emozionante nuotare nelle acque della Sicilia. Anche se non è stato facile, visto che era la prima gara della stagione». 

Soddisfatta l’allenatrice Maria Elena Canova, che a nome di tutto lo staff si congratula con Sogne: «Tutto il merito a Matteo. Alle sue braccia, alla sua testa. Noi lo abbiamo solo sostenuto, all’interno di un’avventura costruita in poche settimane per colpa del Covid-19. Bravo Matteo ad averci creduto». 

In generale, i complimenti arrivano dall’intera Sportivamente Belluno, a cominciare dal direttore Stefano Caldart e dalla responsabile delle attività Anna Fontana. «E ora, come da regola, attendiamo di scoprire l’impresa per il 2021». 

Ma non è finita qui, perché lo sport si è intrecciato alla solidarietà: su idea dello stesso Sogne e di Silvia Casagrande, l’impresa era accompagnata da una raccolta fondi. Tuttora aperta (per il link di riferimento, clicca qui): «Questo è un momento difficile per tutti - conclude il nuotatore -. Lo è anche per quelle associazioni che, non potendo promuovere manifestazioni e iniziative di alcun tipo, vedono assottigliarsi le risorse a loro disposizione. Ecco perché abbiamo deciso di aprire questa raccolta: il ricavato sarà devoluto all’Assi e alla Sport Assi. E contribuirà ad alimentare il progetto “Dolomiti Orizzonte Paralimpico” per far sì che i ragazzi e i bambini con disabilità abbiano un futuro sportivo». 

 

Amichevoli del weekend: ok Belluno e Feltre, San Giorgio sconfitto

 

L’Union Feltre gioca tennis, il Belluno la spunta di misura e il San Giorgio Sedico scivola. Eccolo qui, in estrema sintesi, il resoconto del weekend di amichevoli. O meglio, di allenamenti condivisi.

Al Boscherai, l’Union di mister Andreolla rifila un sonoro 6-1 a un avversario di Promozione: il Noventa. A vestire i panni del mattatore è Michelotto, autore di una tripletta (un gol arriva dal dischetto). In rete anche De Carli, Moscatelli e Trevisan. Finora, i verdegranata hanno collezionato solo vittorie. E, oltre a trovare il bersaglio con una certa regolarità, hanno già trovato una buona fluidità di manovra. 

Il Belluno, invece, ritrova il suo pubblico (pre la prima volta, dopo la pandemia, al polisportivo si è giocato a porte aperte). E pure il successo. Archiviato il 2-2 col Vittorio Falmec, la squadra di Renato Lauria supera 2-1 il Portmansuè dell’ex Duravia (compagine che milita nel torneo di Eccellenza). Ad aprire le danze è Mosca, mentre il raddoppio porta la firma di una delle sorprese più liete di questo pre-campionato: Wesley Spencer. 

L’unica nota stonata, ma solo in termini di risultato, arriva dal San Giorgio Sedico, che a Motta di Livenza non riesce a evitare il passivo contro la Liventina: 2-1. In assenza di bomber Sottovia (a riposo precauzionale), a vestire i panni del goleador è Shaban Gashi. L’attaccante del 1999, cresciuto nelle giovanili del Torino ed ex Abano, è ancora in prova con la società sedicense. E in settimana dovrebbe firmare il contratto che lo legherà ai colori biancorossocelesti per l’intera stagione. 

 

Ecco i gironi di serie C e D: Sedico separato da Feltre e Limana

 

Il Comitato regionale della Fipav ha comunicato la composizione dei gironi di serie C e D: sia a livello maschile, sia femminile. 

E nella C “rosa” emerge subito una sorpresa. Sì, perché tre sono le bellunesi in corsa, ma il Sedico è stato inserito nel gruppo B, mentre Limana e Feltre compaiono nel girone A. I sestetti allenati da De Gasperin e Carpene se la vedranno anche con San Stino, Bluvolley Padova, San Martino, Susegana, Colombo, Stra, New Volley Vicenza, Rossano e Solesino. Nel B, oltre al Giesse Sedico, spazio a Medovolley, Vigonza, Imoco, Cadoneghe, Altavilla-Sovizzo, Pojana Sossano, Laguna, Fulgor Thiene, Polisportiva Annia e Locara. 

Per quanto riguarda la C maschile, la Spes Belluno si trova in compagnia di Bassano, Torrebelvicino, Treviso, Campodarsego, Cus Venezia, Solesino, New Verona, Polisportiva Casale, Portogruaro, Padova e Cornedo. 

Passando alla serie D, la Pallavolo Belluno arricchirà il gruppo A con La Piave, Albertina, San Biagio, Motta, Terraglio, Volley Team Club, Valsugana, Casalserugo, Astra, Eagles e Loreggia. Infine, in D femminile, Trichiana e Spes si fronteggeranno nel girone A, in cui spiccano pure Aurora, Codognè, San Vendemiano, Comitense, Usma Caselle, Arcobaleno, Salese, San Donà, Libertas Scorzè e Terraglio. 

 

Corasaniti para un rigore, gli attaccanti segnano. E l’Union Feltre sorride

 

Non è solo un vecchio adagio del calcio: quando il portiere para e gli attaccanti segnano, la squadra va. 

E l’Union Feltre va che è un piacere. 

Perché nella quarta uscita stagionale, contro una formazione di Eccellenza come il Bassano, matura un 2-0 che riprende pari, pari quel vecchio adagio. Gli attaccanti, infatti, timbrano regolarmente il tabellino dei marcatori: prima Benedetti, abile a rompere l’equilibrio, poi Moscatelli dal dischetto. E nel mezzo? Eccolo, il portiere che para: sempre lui, Alberto Corasaniti. Il quale neutralizza un penalty ed evita il possibile 1-1. "Garfield" è sempre una certezza. 

Insomma, l’Union ha già un capo e una coda. Ma ha anche tanto altro, come conferma mister Sandro Andreolla al termine del test, andato in scena al Boscherai: «È stata una gara maschia, “vera”, di cui avevamo assolutamente bisogno. Una gara capace di risvegliare alcune emozioni che non provavano da mesi. Al di là del punteggio, sono soddisfatto del modo in cui i ragazzi hanno interpretato l’impegno, in un contesto agonistico di rilievo. L’aspetto migliore? Rigore a parte, non abbiamo subìto nulla. Neppure un tiro in porta». 

Nell’undici di partenza, il tecnico verdegranata ha puntato su Corasaniti, Maset, Stevanin, De Carli, Trevisan, Nonni, Miniati, Malagò, Moscatelli, Michelotto e Benedetti: «In questa stagione ho qualche freccia in più al mio arco - conclude Andreolla -; mi ritengo un allenatore fortunato». 

 

niq multimedia s.r.l.s.

Via degli Agricoltori, 11
32100 BELLUNO

Codice Fiscale e Partita IVA: 01233140258

Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019