Provincia

La stagione invernale è a rischio. Da Roma però arriva una proposta che potrebbe consentire la sopravvivenza delle ski aree almeno per quest’anno: «Lo Stato paghi l’innevamento artificiale». Mittente Dario Bond.

«La stagione invernale è in forse. Ancora non si sa se a Natale ski aree e impianti di risalita potranno aprire oppure no. Mancano le condizioni per avviare lo sci. Come si può programmare così? Il governo batta un colpo e contribuisca in maniera concreta» dice il deputato di Forza Italia. Che intravvede una possibilità.

«Se davvero si vuole salvare la stagione invernale, che costituisce la principale forma economica per le località di montagna e la fonte di reddito di migliaia di famiglie, il governo faccia una cosa: assicuri un indennizzo pari ai costi per l’innevamento artificiale da qui all’8 dicembre. In questo momento sappiamo che sarà quasi impossibile far partire la stagione prima di Natale. E in ogni caso, sarà un inverno caratterizzato sostanzialmente dal mercato interno, senza l’apporto degli sciatori provenienti dall’estero. Il che significa una perdita del 55-60%. Come può una ski area pensare di programmare tutto in queste condizioni? Ecco perché servono certezze da parte dello Stato. Un indennizzo sui costi di innevamento potrebbe consentire la sopravvivenza per quest’anno, guardando con maggiore serenità all’inverno 2021-22 che ci auguriamo sia senza Covid».

 

niq multimedia s.r.l.s.

Via degli Agricoltori, 11
32100 BELLUNO

Codice Fiscale e Partita IVA: 01233140258

Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019