Belluno

 

«O troviamo le energie morali e intellettuali per trasformare il dramma in opportunità e produrre un cambiamento epocale, oppure ci abbandoniamo senza reagire a una deriva dalla quale sarà difficile tornare a riva». Ad affermarlo è Paolo Gamba, capogruppo di “Belluno è di tutti”, a Palazzo Rosso. 

«In una città ben amministrata - prosegue - l’indirizzo strategico è quello che risponde alle domande “chi siamo?”, “dove siamo?” e “dove vogliamo andare?”. Per arrivare a questo, però, non si può prescindere dal proficuo confronto tra le componenti di maggioranza e di minoranza. È necessario raccogliere il contributo di tutte le forze sociali e culturali per costruire un progetto da sottoporre al giudizio dei cittadini. Amministrare una città capoluogo di provincia non è un gioco. Oggi, purtroppo, ci sembra che manchi questa consapevolezza e che ogni iniziativa sia messa in campo solo per zittire qualcuno o dare un contentino a qualcun altro. Tutto viene preso con estrema leggerezza». 

Fari puntati sul Nevegal: «È fermo e tutto ricade sulle spalle degli operatori. Il Comune ha fatto fallire la società e con essa sono falliti pure il primo cittadino e la sua amministrazione. Ma gli esempi sono tanti: il pressapochismo sul fronte Inlab, l’attesa lunga anni del Ponte Bailey, le manutenzioni, la scuola, le categorie economiche, il turismo…». 

Gamba ripensa al 2008: «Allora c'è stata un'accelerazione dei processi innovativi e si è assistito allo sviluppo di imprese basate sulle tecnologie digitali. Oggi? Siamo nella stessa situazione: ci aspetta un nuovo boom delle imprese che sapranno innovare, accentuando così le già forti differenze di performance in atto, in relazione alle caratteristiche dei diversi comparti, alle dimensioni dell’impresa e al contesto nel quale questo Comune opera. Se questa battaglia verrà affrontata solo in un’ottica di sopravvivenza, lascerà nel nostro tessuto economico e produttivo ferite non rimarginabili. Se sapremo invece cambiare mentalità, allora metteremo la nostra comunità nella condizione di uscire da un declino altrimenti certo». 

 

niq multimedia s.r.l.s.

Via degli Agricoltori, 11
32100 BELLUNO

Codice Fiscale e Partita IVA: 01233140258

Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019