Belluno

Novità sul Nevegal? «Nessuna. Massaro ha fatto una porcheria». Non usa giri di parole, Paolo Gamba. Il consigliere di opposizione aveva già definito così l’emendamento scarabocchiato su un pezzo di carta con cui il sindaco aveva fatto votare la modifica allo statuto di Bellunum; modifica che consentirà alla società di prendere in affitto la seggiovia del Nevegal per la sola stagione estiva. E adesso torna sull’argomento. Perché a distanza di qualche settimana l’emendamento è realtà, l’affitto ancora no. E il Colle rimane in alto mare.

«Che succede adesso? Stiamo entrando nella seconda settimana di luglio e l'operazione è ancora lontana dall'essere conclusa - incalza Gamba -. Ma l'amministrazione comunale e l'amministratore unico di Bellunum si sono posti qualche domanda? Sono state calcolate le spese per avviare e gestire l'apertura dell'impianto? A noi risulta che non possano essere inferiori ai 110mila euro. E quanto frutterà l'apertura della seggiovia per i weekend del mese di agosto? Quale garanzie dovrà ricevere l'Alpe per cedere temporaneamente la gestione degli impianti fino al 15 settembre? Ma, soprattutto, quali garanzie riceverà l'amministratore unico di Bellunum anche sul piano della sicurezza? E ancora: quale personale verrà utilizzato? In che modo saranno gestiti gli impianti? Su queste questioni nebbia fitta. E buio pesto su quello che succederà poi, tra due mesi».

Domande rivolte a Palazzo Rosso. A quando le risposte?

 

niq multimedia s.r.l.s.

Via degli Agricoltori, 11
32100 BELLUNO

Codice Fiscale e Partita IVA: 01233140258

Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019