Borgo Valbelluna

 

Una mandria, in fuga dalla siccità, si allontana dalla sua terra d’origine e si insedia in una zona più rigogliosa. Nessuno però sembra curarsi della popolazione che la abita: uno stormo di oche, che attacca violentemente la mandria. Solo una cavalla bianca, che ha dimostrato saggezza e rispetto, si salva col suo puledro: insieme tornano alla terra d’origine. È l’ispirazione che ha mosso Bekhbaatar Enkhtur alla realizzazione di “Zuult”, una scultura a installazione diffusa. Un’opera d’arte e insieme anche di concetto. Perché è stata posizionata a Borgo Valbelluna e simboleggia l’unione delle tre comunità che compongono il nuovo Comune della Sinistra Piave. La storia ispiratrice infatti insegna quanto sia importante il rispetto verso gli altri e quanto ognuno appartenga indissolubilmente alla terra che l’ha generato.

Come omaggio alla figura del cavallo, durante una residenza organizzata a Borgo Valbelluna, l’artista di fama internazionale ha realizzato con l’argilla non cotta diverse sculture equine dalla livrea grigia, in scala quasi reale, destinate a scomparire e a tornare a fare parte del ciclo naturale del terreno. La documentazione ricopre quindi un ruolo fondamentale all’interno del progetto, diventando l’unica traccia tangibile degli interventi, oltre a una placca a memoria dell’evento. 

«Siamo orgogliosi che Borgo Valbelluna sia stato scelto tra i molti borghi del Veneto per questa installazione - commenta l'assessore alla cultura Monica Frapporti -. In questo tempo di crisi, in cui angoscia e incertezza hanno preso il sopravvento, vogliamo dare un segnale positivo e un messaggio di speranza. Rinascere e ripartire dalla vita e dalla bellezza».

L’inaugurazione dell’installazione è in programma per sabato mattina (12 settembre) alle 10.30 nella loggia del municipio di Mel. Da lì partirà la visita alle sculture. Dove sono collocate? Lo si saprà solo al vernissage.

 

niq multimedia s.r.l.s.

Via degli Agricoltori, 11
32100 BELLUNO

Codice Fiscale e Partita IVA: 01233140258

Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019