Lago del Corlo più sicuro: inaugurato il Centro per assistenti bagnanti

 

Sulle sponde del lago del Corlo, ad Arsiè, è nato il “Centro di addestramento prevenzione e soccorso per assistenti bagnanti”. Centro che è stato inaugurato sabato scorso, in maniera del tutto speciale: ovvero, unendo il salvamento alla passione per il nuoto in acque libere. 

Per la parte del nuoto, l’idea è partita da Matteo Sogne e Silvia Casagrande. Ed è stata subito accolta dal coordinatore trentino legato al salvamento, Alessandro Ventimiglia: «Abbiamo deciso di promuovere una simulazione di assistenza, durante una competizione. Ma, di fatto, è stato soprattutto un allenamento tra amici». 

Ben 35 atleti si sono tuffati in acqua, seguendo un percorso tra le boe di circa 2 chilometri, sotto l’occhio vigile di una ventina di assistenti: chi sul pattino, chi sulle tavole. A questo proposito, non è passata inosservata la presenza del cane Mitch e di Giorgio Saccaro, addestratore cinofilo di assistenza. 

La maggior parte dei nuotatori proveniva da Belluno. E non è mancata una folta rappresentanza di ragazzi della Dolomiti Nuoto di Pelos, oltre ai Master della Vicenza Nuoto: uno dei quali era Enrico Giacomin, atleta paralimpico che, fra le varie imprese di una carriera strepitosa, vanta pure l’attraversamento a nuoto dello Stretto di Gibilterra. 

Insomma, il Centro sul lago del Corlo è realtà e, nel mese di settembre, decollerà il primo corso per assistenti bagnanti. A conferma che il divertimento e la sicurezza possono - anzi, devono - andare a braccetto.

 

Anziano scivola nel greto del fiume: ritrovato il giorno dopo, è grave

 

È stato ritrovato nel greto del Rio Pusterno, a Fastro di Arsiè. E non era cosciente. 

Attorno alle 8.30  di stamattina, alcuni passanti hanno allertato la centrale del 118, dopo aver visto un anziano a terra.

T.D.A., ottantunenne di Arsiè, forse era scivolato già ieri. Ed è stato raggiunto da Soccorso alpino, personale medico e dal tecnico di elisoccorso del Suem di Pieve di Cadore: sul posto, le prime cure urgenti per un probabile trauma cranico e un possibile stato di ipotermia. 

Imbarellato e sollevato sulla strada, l'uomo è stato trasportato in gravi condizioni all’ospedale di Treviso.

 

niq multimedia s.r.l.s.

Via degli Agricoltori, 11
32100 BELLUNO

Codice Fiscale e Partita IVA: 01233140258

Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019