Regimazione delle acque a Sopracroda. Piccolo intervento, grande prevenzione

Stop ai problemi con piogge e affini: a Sopracroda arriva un tombotto nuovo di zecca. Lo ha approvato ieri la giunta di Palazzo Rosso, con una manovrina ad hoc per varare un intervento completo di adeguamento delle opere di regimazione delle acque meteoriche, «nella strada vicinale di Sach, località Pianon di Sopracroda» specifica l’assessore ai lavori pubblici, Biagio Giannone. «Si tratta di un progetto predisposto dall’Unione Montana Belluno-Ponte nelle Alpi che consiste nella pulizia dell’impluvio lato strada e nella realizzazione di una cunetta in selciato di pietrame, a cui seguiranno la posa di un nuovo tombotto per lo scarico e di un nuovo pozzetto stradale».

Un intervento piccolo nei numeri (11.150 euro, per il 75% a carico dell’Unione Montana), ma utilissimo a evitare problemi e criticità idrogeologiche. 

 

Melting pot: al Comitato d'Intesa nascono i "Tandem linguistici", un esperimento inclusivo

Incontri di conversazione in lingua, gratuiti, individuali o di gruppo. Sono i “Tandem linguistici” promossi dai volontari dell'Area Europa del Comitato d'intesa.

L’inaugurazione del progetto è in calendario per mercoledì 19 febbraio, dalle 15 alle 17 al Comitato d'intesa (via del Piave, 5). Per l'occasione vi sarà anche la presentazione dei programmi Erasmus+ e Corpo Europeo di Solidarietà con l'obiettivo di coinvolgere giovani potenzialmente interessati a scambi culturali.

Dopo il primo appuntamento, gli incontri “Tandem” si terranno ogni mercoledì pomeriggio, sempre al Comitato dalle 15 alle 17.

Ma in cosa consiste l'attività?

«Si tratta di conversazioni individuali o di gruppo in lingua inglese, francese o spagnola - spiega Ariela Shatku, responsabile dell’iniziativa -. Protagonisti delle conversazioni saranno i giovani volontari del progetto Corpo Europeo di Solidarietà, ora ospiti a Belluno, e provenienti da Albania, Kosovo, Spagna e Tunisia. I volontari converseranno con i presenti nella propria lingua a patto che il partecipante insegni loro a dialogare in italiano».

Dunque l'obiettivo è un supporto reciproco nelle rispettive lingue, ma non solo: allo stesso tempo, c'è la possibilità di venire a conoscenza anche di una nuova cultura e di come funzionano i programmi legati all'Erasmus +, talvolta sconosciuti ai giovani (informazioni e iscrizioni all’indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

 

Violenza sulle donne, in provincia di Belluno un caso ogni tre giorni

In amore vince chi fugge? Chi lo sa. Ma di sicuro chi picchia è un perdente. Nel giorno di San Valentino, la festa degli innamorati, presentati i numeri del 2019 per quanto riguarda la violenza di genere. Sono stati 122 i casi trattati dal Nucleo investigativo dei Carabinieri, 3 in più rispetto al 2018. Una cifra purtroppo di tutto rispetto per una provincia poco abitata come quella di Belluno: i numeri dicono che si consuma un caso di violenza sulle donne ogni tre giorni. Nel 2019 sono state 10 le persone a cui sono state comminate misure cautelari. Tre gli arresti, 1 libertà vigilata, 4 decreti di allontanamento da casa, trenta le  persone denunciate a piede libero. E parliamo solo dei casi trattati dai carabinieri, ai quali vanno aggiunti quelli di competenza delle altre forze dell'ordine.

E quando parliamo di violenza di genere indichiamo una serie di reati diversi. Nel 2019 sono stati 13 gli atti persecutori, 54 i maltrattamenti in famiglia , un caso di diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti, 3 casi di circonvenzione d’incapace, 23 lesioni personali, un adescamento di minorenni.  Alto il numero sotto la voce "Violenza sessuale", con un aumento preoccupante, dai 10 casi del 2018 ai 24 del 2019. Ma va specificato che questo reato non comprende solo le violenze carnali, ma scatta anche in tutti i casi di molestie, dai palpeggiamenti ai baci estorti con la forza. 

In mancanza di una serie consolidata di dati che permetta di capire l’andamento nel corso degli anni, l’impressione è che quello della violenza di genere sia  un fenomeno in emersione. «Il reato si consuma generalmente all’interno delle mura domestiche - spiega il maggiore Marco Stabile - e questo rende ancora più difficile prevenire e reprimere. E’ una problematica che si combatte sensibilizzando la popolazione”. La recente introduzione a luglio 2019 della legge che ha istituito il “Codice rosso” non ha cambiato il modus operandi dei carabinieri. “Ci siamo sempre mossi con tempestività – spiega Stabile – perché in questi casi non si può aspettare. Si conosce l’autore del reato, le prove possono scomparire, può cambiare il contesto. E’ importante intervenire nell’immediatezza”. Nell’80% dei casi i carabinieri intervengono su denuncia delle vittime, ma anche su segnalazione dei medici o dei vicini di casa. Tutti riferibili all'ambiente familiare o amicale i casi trattati, con un'alta incidenza soprattutto nel Feltrino. 

 

 

Le novità fiscali per i pensionati: incontro con Caaf e Confartigianato

 

Anap, l’Associazione anziani pensionati di Confartigianato Belluno, propone l’incontro sul tema “Le novità fiscali 2020 per i pensionati”. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con il Caaf e il Servizio fiscale di Confartigianato Belluno. Ed è in programma domani (martedì 18, ore 17) nella sede di piazzale Resistenza.

«Il 2020 - spiega la presidente di Anap, Antinesca De Pol - ha portato novità di ordine fiscale significative per noi pensionati. Novità che è utile conoscere nel dettaglio: fra queste, la tracciabilità dei pagamenti per spese detraibili, ma anche il nuovo bonus facciate, che riconosce la detrazione del 90 per cento della spesa, sono tra queste. Come Associazione di pensionati, abbiamo scelto pertanto di divulgare in tempo utile una serie di informazioni, perché le spese sanitarie, vista l’età, hanno una grossa incidenza nel bilancio familiare. Ma anche le nostre case sono un patrimonio che ci appartiene e un incentivo così pregnante come il bonus facciate può essere uno stimolo per interventi migliorativi».

 

Pedone investito a Cavarzano: alla guida un 89enne

Pedone investito a Belluno: una donna di 75 anni è stata falciata da un’auto e al momento si trova all’ospedale di Belluno. Fortunatamente, non in pericolo di vita.

L’incidente è avvenuto a Cavarzano, subito dopo il ponte degli Alpini, all’incrocio tra via Medaglie d’Oro e via Doglioni. Attorno alle 11 la donna stava attraversando la strada, sulle strisce pedonali, quando è arrivata un’alfa, dal ponte degli Alpini. L’uomo alla guida, un 89enne bellunese, con ogni probabilità non si è accorto che c’era un pedone in movimento. Perché non ha potuto evitare l’impatto.

La donna è stata trasportata d’urgenza all’ospedale. Sul luogo dell’incidente, anche i carabinieri del Norm di Belluno.

 

Franco Fabbri nuovo comandante della Stradale. «Servono formazione e prevenzione»

Franco Fabbri è il nuovo comandante della Polizia stradale di Belluno. 50 anni, ravennate di Lugo di Romagna, Fabbri è in Polizia dal 2002 e  prima di giungere ai piedi delle Dolomiti ha prestato servizio in Polizia stradale tra Vercelli, Cuneo e Novara. Il nuovo comandante, presentato questa mattina dal questore Lilia Fredella, avrà il compito di gestire la sicurezza stradale per i grandi eventi all'orizzonte, a cominciare dalle finali di Coppa del Mondo di sci, in programma dal 18 al 22 marzo a Cortina, a cui seguiranno i Mondiali del prossimo anno e le Olimpiadi invernali del 2026. «In Piemonte ho avuto modo di coordinare la sicurezza per alcune grandi manifestazioni – spiega Fabbri – come l’adunata degli alpini a Cuneo, due tappe del Tour de France e vari passaggi del Giro d’Italia. La viabilità qui è simile a quella del Piemonte, con alcune criticità che andranno monitorate con attenzione». E con una cronica mancanza di agenti. «Per quanto riguarda la dotazione organica - aggiunge il neo comandante - attendiamo i provvedimenti previsti nel piano di riordino nazionale. Di sicuro in vista di questi grandi eventi chiederemo dei rinforzi». Formazione per prevenire, questo il motto del nuovo comandante per quanto riguarda la sicurezza stradale: «Le principali cause di incidenti sono la distrazione, aumentata con il massiccio utilizzo degli smartphone, e la guida in stato di alterazione. Eventi sempre più frequenti che vanno combattuti promuovendo una cultura della sicurezza stradale basata su valori ben definiti. Ecco perché porrò grande attenzione al mondo dei giovani e delle scuole, sia attraverso i progetti previsti dai nostri protocolli, sia attraverso le iniziative nel territorio».

 

niq multimedia s.r.l.s.

Via degli Agricoltori, 11
32100 BELLUNO

Codice Fiscale e Partita IVA: 01233140258

Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019