San Vito di Cadore

 

La “leggendaria” Francesca Mussoi abbandona per un attimo le Leggenda in quota e ci accompagna idealmente a San Vito di Cadore, nel set di “Un passo dal cielo”: la serie tv Rai, prodotta da Matilde e Luca Bernabei per Lux Vide

 

Il lago di Mosigo, con il suo chalet, è diventato il set di “Un passo dal cielo”.

Un teatro invidiabile, con il monte Antelao a fare da cornice.

Sì, ho avuto la fortuna di entrare nel set - o meglio, dietro le macchine da presa - per raccogliere frammenti di un lavoro che non sempre è ciò che appare da fuori. 

Gli attori? Disponibili, oltre che belli. 

Ma se tutto funziona è anche grazie alle oltre cento persone legate al cast.

Una piramide, in gergo, che non starebbe in piedi se non ci fosse una base solida: costituita dai generici che portano i pasti e l'acqua alle comparse. O dai runner, che corrono avanti e indietro a reperire cavi e si occupano del trasporto degli attori.

«È un lavoro - mi dice un fonico - che porta a stare diverse settimane lontano da casa e dalla famiglia».

«Possono servire dieci ore al giorno, per 4 minuti di pellicola», mi spiega la produzione.

E l'ho visto con i miei occhi. Una scena ripetuta per mezza giornata, ma mai con disappunto: «Il lavoro è questo. E per fortuna abbiamo potuto riprendere. Perché il Covid ha colpito come uno tsunami anche questo settore». 

L’incognita meteo, per una serie girata quasi tutta all’esterno, è il problema più grande: «Il cambio di programma è praticamente la normalità», sostiene Mirko della produzione.

Non esistono compiti prettamente femminili o maschili. Tutti fanno ciò che serve: dalla fotografia, al trucco, alla gestione dei droni e delle macchine da presa.

«Deve esserci sinergia, empatia in una troupe - spiega Mirko -. E il regista è la mano che plasma e che leviga eventuali dissapori, dettati dalla magari stanchezza. Le serate? Doccia, cena e a letto con un buon libro. Vale per tutti, pure per gli attori». 

L’unico giorno libero è la domenica: «E lo dedichiamo a visitare il territorio bellunese. Abiti in un paradiso, lo sai?», mi dice il ragazzo che cura l’entrata delle comparse. 

«Mi sono portato la moto, dammi qualche dritta». 

Inizio l’elenco: sorride. «Dovrei rimanere qui mesi. Dillo tu a mia moglie». 

Questo è un lavoro sudato.

Un lavoro di sacrificio, lontano dalle famiglie, anche se ben remunerato.

Non solo lustrini e paiettes, quindi, ma vite normali.

Persone disponibili e umane. 

Persone. E non personaggi costruiti o distaccati.

 

niq multimedia s.r.l.s.

Via degli Agricoltori, 11
32100 BELLUNO

Codice Fiscale e Partita IVA: 01233140258

Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019