Un questionario esplorativo sui giovani: «È necessario ascoltarli»

 

I giovani sono il futuro del territorio. Ma possono anche essere il presente. Basta solo saperli capire. Valorizzare. Ascoltare.

Su questa scia, è nato il “Questionario esplorativo sui bisogni e la condizione dei giovani”. Il progetto, avviato nel 2019, è stato promosso dal Comune di Ponte nelle Alpi. E, in particolare, dalla consigliera che si occupa di pari opportunità, Sabrina Dassiè. 

Online e completamente anonimo, il questionario era rivolto a ragazzi e ragazze di età compresa tra i 12 e i 25 anni. Due gli obiettivi: «Chiedere ai giovani chi sono - spiega Sabrina Dassiè - cosa vogliono e cosa sentono, per permettere loro di uscire dallo stato di “invisibili” in cui spesso la società odierna li relega. Esprimere quindi i loro bisogni concreti in termini di servizi e strutture, ma anche l’aspetto introspettivo, la percezione di sé. E portare tutto questo all’attenzione dell’amministrazione, affinché possa andare incontro alle loro esigenze con azioni mirate». 

Un lavoro certosino e prezioso, pronto a essere messo a disposizione di vari enti e di società, oltre che di scuole, parrocchie, società sportive o associazioni: «L’altro obiettivo è quello di rendere i giovani protagonisti del progetto in ogni fase di sviluppo, per favorire la consapevolezza del lavoro svolto e dei dati emersi. E per avviare un processo di educazione civica e partecipazione attiva». 

Fondamentali le collaborazioni con scuola, l’Istituto comprensivo di Ponte nelle Alpi, e il sociologo Diego Cason, al quale è stata affidata la valutazione finale: «Valutazione che rileva la presenza di un tessuto giovanile sostanzialmente positivo e dinamico; lo sport, la musica e le relazioni amicali sono molto presenti. C'è la voglia di impegnarsi per quello in cui si crede e il gruppo che si è creato per l’elaborazione statistica dei dati, composto da ragazzi e ragazzi, ne è la testimonianza. Il gruppo ha lavorato con impegno, entusiasmo e in maniera propositiva. A conferma che è necessario andare oltre le apparenze e i pregiudizi con i quali talvolta vengono etichettati. È necessario ascoltarli». 

 

Una macchina si scontra con l'autocarro dell'Anas: ferito il conducente

 

Poteva avere conseguenze serie l’incidente stradale avvenuto ieri pomeriggio (attorno alle 16.20), nella zona del cementificio Buzzi Unicem (comune di ponte nelle Alpi, verso Paludi). 

Coinvolte una vettura e un autocarro dell’Anas, entrati in rotta di collisione. Ad avere la peggio è stato il conducente della macchina, soccorso e portato poi all’ospedale San Martino per gli accertamenti del caso. 

Fondamentale, inoltre, l’intervento dei Vigili del fuoco, che hanno contribuito a ripulire la sede stradale. 

 

Immondizie sparse e muri imbrattati: giovani vandali in azione a Ponte

 

Chi rompe paga. E chi sporca pulisce. Perché l’educazione e il rispetto del territorio sono alla base della vita di comunità. E allora, se qualcuno deraglia dai binari della civiltà, va riportato in asse.

Come sta cercando di fare l’amministrazione di Ponte nelle Alpi, insieme alla Polizia locale. Negli ultimi giorni, infatti, sono comparse diverse scritte sui muri del territorio: no, nessuna forma artistica e nessun bisogno di esprimere liberamente creatività e fantasia. Sono scritte che hanno la sola conseguenza di rovinare il patrimonio pontalpino: dal palazzetto dello sport al parchetto di via Zattieri, passando per il parco Ex Casa Rossa. 

Ed è per questo che i vertici amministrativi hanno deciso di correre ai ripari. Come spiega il sindaco Paolo Vendramini: «Abbiamo avviato il progetto “Pulisco ciò che ho sporcato: sono responsabile dell’ambiente in cui vivo”. All’inizio della fase 2, alcuni ragazzi hanno confuso la legittima voglia di libertà con la possibilità di sfogare il tempo trascorso chiusi in casa, ponendo scritte su muri di spazi pubblici e privati». 

Ma ci sono le telecamere, oltre agli occhi vigili delle persone: «Il sistema capillare di video-sorveglianza e il controllo di vicinato hanno individuato i responsabili. In un percorso condiviso tra famiglie, organismi preposti e servizi sociali del Comune, i ragazzi coinvolti saranno impegnati a ripulire le loro bravate». Fondamentale, però, sarà il contributo dei genitori: «Spetta a loro il compito più rilevante in termini di educazione. Per arginare questo fenomeno, il coinvolgimento delle famiglie è fondamentale». 

Un’altra indagine è in corso con lo scopo di individuare un secondo gruppo di vandali, formato da ragazzi più avanti con l’età: «Meglio intervenire subito, con decisione - conclude Vendramini -. Stiamo parlando di casi isolati, ma è bene alzare la guardia. Con la speranza che il progetto appena avviato contribuisca a responsabilizzare le persone». 

Anche i componenti del Comitato frazionale esprimono il loro sconcerto: «Stiamo facendo il possibile per tenere in ordine e curata la zona del parco Ex Casa Rossa - afferma Andrea De Nard -. Trovarsi di fronte a questi atti è deludente: dispiace sapere che certi giovani si divertono a rovesciare cestini dell’immondizia e a imbrattare. E dispiace perché non è la prima volta. Solo venerdì scorso mi sono ritrovato a pulire vecchie scritte. Oggi, però, siamo punto e a capo: tanto è meraviglioso rivedere il parco di nuovo popolato dai ragazzi, quanto è frustrante assistere a continui gesti di vandalismo. Questa zona, intitolata alla memoria del nostro amico Alessandro Mares, ha un valore affettivo inimmaginabile: lì ci siamo cresciuti». 

 

Incidente sul ponte: frontale in curva e un’auto finisce in testacoda

 

Brutto incidente all’altezza del ponte di Santa Caterina, questo pomeriggio, a Ponte nelle Alpi: un’utilitaria con tre giovani a bordo si è scontrata in curva con un’auto che procedeva in senso opposto. 

Al momento dell’impatto, una delle vetture è ruotata su se stessa, finendo in testacoda. 

Sul posto, Vigili del fuoco e alcune pattuglie dei Carabinieri, che hanno bloccato il traffico all’ingresso del ponte. 

Fortunatamente, non ci sono state particolari conseguenze per le persone coinvolte nel frontale. 

Un sospiro di sollievo, quindi. Anche se la zona è già stata teatro di incidenti ad alto tasso di pericolosità. Basti pensare alla macchina che, dopo essere uscita di strada, ha letteralmente divelto un semaforo e travolto come birilli i paletti piantati lungo il marciapiede

 

Ponte nelle Alpi da scoprire: nasce un nuovo portale web grazie al Comitato frazionale

 

Si chiama pontenellealpi.eu. Ed è la nuova piattaforma web creata per scoprire, conoscere e promuovere il territorio. L’idea è del Comitato frazionale Ponte nelle Alpi. Così come la realizzazione del sito, che è già online

Foto e video, storia e blog, ma anche le attività commerciali, i bar e i ristoranti, le strutture ricettive e il turismo: le sezioni sono davvero numerosissime. E ricche di contenuti, pronti a essere aggiornati a cadenza regolare dallo staff. In primis, dal direttivo del Comitato, composto dal presidente Tommaso Carlin, da Andrea De Nard, Stefano Mares, Daniele Olivier e Davide Orano: i cinque hanno presentato ieri il progetto all’amministrazione comunale: in municipio, il sindaco Paolo Vendramini, l’onorevole Roger De Menech, la consigliera comunale Sabrina Dassiè e la responsabile dell’ufficio relazioni con il pubblico, Barbara D’Incà, hanno accolto con profondo interesse ed entusiasmo il nuovo sito. 

«Questo è uno strumento “di” e “per” Ponte nelle Alpi - spiegano dal Comitato -. Vorremmo far sì che l’intera comunità si sentisse parte attiva di una piattaforma in cui troveranno posto immagini, racconti, ma anche notizie d’attualità e orientate a riscoprire le nostre origini». A proposito dell’attualità, sarà proprio News in Quota il media partner di un progetto che valorizza il presente. Ed è proiettato al futuro. 

 

Schiacciato dalla betoniera: ennesimo e grave infortunio sul lavoro

Finisce nella betoniera: schiacciato un 62enne di Belluno. È l’ennesimo incidente sul lavoro, in provincia di Belluno, dopo l’uomo ustionato alla cartiera di Santa Giustina (ieri) e il dipendente di Veneto Strade feritosi al volto a Quero Vas (l’altro ieri).

Il fatto è successo a Ponte nelle Alpi, questa mattina (venerdì 5 giugno). L’uomo stava pulendo la cisterna di una betoniera, in un cantiere in viale Cadore, quando è rimasto impigliato all’interno dello strumento. Per cause in corso di accertamento, la betoniera si è avviata, schiacciando il 62enne.

L’uomo è stato portato d’urgenza all’ospedale di Belluno, dove è ricoverato in prognosi riservata. Sul posto dell’incidente, carabinieri e Spisal per i rilievi di rito.

 

niq multimedia s.r.l.s.

Via degli Agricoltori, 11
32100 BELLUNO

Codice Fiscale e Partita IVA: 01233140258

Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019