• Home
  • Cronaca
  • Cortina
  • Ghedina: «Il turismo estivo sarà solo locale. Ma con i Mondiali di sci rinascerà l’Italia»
Cortina

 

Il futuro della provincia di Belluno, dopo la pandemia, passerà anche e soprattutto da Cortina d’Ampezzo: per la capacità di attrarre turisti, per questioni strategiche e di opportunità, per essere il teatro dei Mondiali di sci, il prossimo anno. E delle Olimpiadi invernali, nel 2026. 

 

Ma ora la Regina delle Dolomiti è in quarantena, come buona parte del pianeta: prima di aprirsi al mondo, c’è un nemico da sconfiggere. «È il periodo più difficile della nostra storia recente - afferma il sindaco Gianpietro Ghedina -. E il mio ruolo istituzionale mi impone grandi responsabilità. Anche se poi, noi amministratori, siamo bypassati a livello governativo. E riusciamo incidere solo fino a un certo punto: i decreti vengono calati dall’alto, senza possibilità di intervenire». 

Sindaco, come sta vivendo questa fase? 

«Non è un momento facile. Ricevere ogni sera l’elenco di nomi e cognomi di persone a noi care, risultate positive al Covid-19, è una sofferenza. Ma stiamo facendo il possibile. I nostri uffici, inoltre, rispondono a ogni necessità e i volontari compiono un lavoro straordinario». 

Una valutazione sul comportamento dei cittadini? 

«Siamo una realtà particolare, con una forte cultura e tradizione, ma anche orientata al turismo. Nel quadro attuale, noto che la parte locale è molto attenta al rispetto del regole, mentre il discorso è un po’ diverso per quei proprietari di seconde case, che erano qui prima del decreto dell’8 marzo. Non essendo autoctoni, associano Cortina a un luogo di vacanza. E faticano a rimanere a casa». 

A questo proposito, è preoccupato per il weekend di Pasqua? 

«Un po’ sì, ma abbiamo trovato nella Prefettura un interlocutore attento, sensibile e presente. Sono certo che lo sforzo unanime tra istituzioni e Forze dell’ordine porterà a un buon risultato». 

Il turismo è sostanzialmente azzerato: qual è la prima miccia da innescare in vista della ripartenza? 

«Attraverso la partecipata Cortina Marketing, stiamo impostando la stagione estiva: il piano prevede diverse ipotesi e scenari, a seconda che l’apertura avvenga in giugno o nel mese di luglio. Punteremo su un turismo di prossimità, più locale, veneto e legato ai fine settimana. La presenza di stranieri è impensabile, anche per mancanza di risorse, oltre che per una questione di sicurezza: non resta che lavorare sul mercato interno». 

Come si immagina i Mondiali 2021? 

«Come l’evento della ripresa. Dopo una primavera di chiusura e un’estate frenata, sarà il primo appuntamento importante. Non solo per il Bellunese, ma per l’intero territorio italiano. I Mondiali rappresenteranno una molla decisiva per farci capire che siamo davvero ripartiti. E che il peggio ce lo siamo gettato alle spalle. A quel punto saremo tutti un po’ cambiati: nel cuore e nella testa».

Quale sarà la prima cosa che farà al termine della quarantena? 

«Un bel giro in bicicletta. Non vedo l’ora». 

 

niq multimedia s.r.l.s.

Via degli Agricoltori, 11
32100 BELLUNO

Codice Fiscale e Partita IVA: 01233140258

Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019