Lavori allo svincolo di Cadola: A27 chiusa per una notte

Qualche disagio per chi viaggia sulla A27: nella notte tra mercoledì 19 e giovedì 20 febbraio chiude la rampa di ingresso e uscita di Cadola. Si tratta di un’operazione necessaria per alcuni lavori di ispezione in galleria. Quindi, niente traffico, niente macchine. Ma solo per una notte.

La comunicazione arriva direttamente da Autostrade per l’Italia, che ha disposto la chiusura dalle 21 di mercoledì 19 alle 6 di giovedì 20 febbraio. In pratica, chiuderà la rampa di svincolo in uscita da Ponte per Cadole e la rampa di ingresso da Cadola, subito prima del casello. Chi si trova in autostrada e deve uscire a Cadola, sarà dirottato sulla Statale 51 di Alemagna; stesso discorso per chi deve andare verso Venezia: l’ingresso in A27 sarà possibile al casello di Fadalto-Lago di Santa Croce.

 

Le novità fiscali per i pensionati: incontro con Caaf e Confartigianato

 

Anap, l’Associazione anziani pensionati di Confartigianato Belluno, propone l’incontro sul tema “Le novità fiscali 2020 per i pensionati”. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con il Caaf e il Servizio fiscale di Confartigianato Belluno. Ed è in programma domani (martedì 18, ore 17) nella sede di piazzale Resistenza.

«Il 2020 - spiega la presidente di Anap, Antinesca De Pol - ha portato novità di ordine fiscale significative per noi pensionati. Novità che è utile conoscere nel dettaglio: fra queste, la tracciabilità dei pagamenti per spese detraibili, ma anche il nuovo bonus facciate, che riconosce la detrazione del 90 per cento della spesa, sono tra queste. Come Associazione di pensionati, abbiamo scelto pertanto di divulgare in tempo utile una serie di informazioni, perché le spese sanitarie, vista l’età, hanno una grossa incidenza nel bilancio familiare. Ma anche le nostre case sono un patrimonio che ci appartiene e un incentivo così pregnante come il bonus facciate può essere uno stimolo per interventi migliorativi».

 

Consiglio comunale dei ragazzi: aderiscono oltre cinquanta studenti

 

I giovani si avvicinano alla sfera pubblica. Sono più di cinquanta gli studenti delle scuole medie di Puos e Farra che hanno aderito al progetto legato al “Consiglio comunale dei ragazzi” in Alpago. L'iniziativa, nata alcuni anni fa a Pieve, è stata ora estesa al territorio del nuovo comune unico, con lo scopo di avvicinare i più giovani alle istituzioni locali e renderli attivamente partecipi alla vita comunitaria.

Nei giorni scorsi, con il sindaco Umberto Soccal e la vice Vanessa De Francesch, si è tenuto il primo incontro di presentazione: presenti pure i vertici del consiglio dei ragazzi di Lozzo di Cadore, oltre all'ex sindaco del consiglio dei ragazzi di Pieve, che oggi ha 25 anni. Tra i primi impegni, spiccano la redazione del regolamento e dello statuto, oltre alle elezioni che porteranno a individuare le cariche rappresentative: «I ragazzi sono il futuro della nostra comunità, non ci stancheremo mai di sottolinearlo - commenta Umberto Soccal -: anche questa iniziativa va nel senso di investirli di una prima forma di partecipazione e di responsabilità per tradurre in atti concreti l'educazione civica, che deve costituire una parte importante del loro bagaglio culturale».

Sulla stessa frequenza di pensiero, Vanessa De Francesch: «Il consiglio è e rimarrà aperto all'adesione di tutti gli studenti delle medie che vorranno farne parte. E intende favorire il senso di appartenenza alla nuova realtà comunale. Unità e condivisione sono caratteristiche dei giovani nostri concittadini. E ci auguriamo possano sfociare, un domani, anche nell’impegno sociale e amministrativo».

Dal canto suo, infine, la dirigente dell’Istituto Comprensivo, Orietta Isotton, ha espresso la «soddisfazione per l'esperienza fatta nell’ambito del consiglio di Lozzo, capace di distinguersi negli anni per il ricco ventaglio di attività e per l'entusiasmo con cui è cresciuto nel tempo. Tanto che, nel 2019, i ragazzi hanno ricevuto un importante riconoscimento da parte del Prefetto di Belluno».

 

Regimazione delle acque a Sopracroda. Piccolo intervento, grande prevenzione

Stop ai problemi con piogge e affini: a Sopracroda arriva un tombotto nuovo di zecca. Lo ha approvato ieri la giunta di Palazzo Rosso, con una manovrina ad hoc per varare un intervento completo di adeguamento delle opere di regimazione delle acque meteoriche, «nella strada vicinale di Sach, località Pianon di Sopracroda» specifica l’assessore ai lavori pubblici, Biagio Giannone. «Si tratta di un progetto predisposto dall’Unione Montana Belluno-Ponte nelle Alpi che consiste nella pulizia dell’impluvio lato strada e nella realizzazione di una cunetta in selciato di pietrame, a cui seguiranno la posa di un nuovo tombotto per lo scarico e di un nuovo pozzetto stradale».

Un intervento piccolo nei numeri (11.150 euro, per il 75% a carico dell’Unione Montana), ma utilissimo a evitare problemi e criticità idrogeologiche. 

 

Formazione per affrontare le sfide dell'occhialeria: Reviviscar avvicina le imprese

Nel mare agitato dell’economia globale, tra effetto coronavirus, dazi e Brexit, Reviviscar offre una bussola ai naviganti dell’occhialeria. Dopo le tappe di Feltre arriva in Cadore il corso di formazione dedicato ai nuovi scenari internazionali, accordi commerciali e mercati, dedicato ai dipendenti del comparto eyewear.

«La formazione continua è uno dei pochi strumenti che abbiamo per continuare a competere - afferma Lara Franzoia, presidente di Sipao (sezione industriali produttori articoli ottici) -. Per questo stiamo portando avanti percorsi di qualità rivolti all’internazionalizzazione delle nostre imprese».

Il corso, della durata di 16 ore, oltre a ripercorrere il contesto normativo internazionale, sarà arricchito dai nuovi aggiornamenti 2020 in tema Incoterms, Iva e dogane. Infine, una parte sarà dedicata al marketing internazionale e all’e-commerce.

Il percorso di Feltre, nella sede di Palazzo Bianco, è terminato a inizio febbraio, mentre quello di Pieve di Cadore inizierà l’11 marzo nella sede di via degli Alpini 39.

«Abbiamo deciso di portare i corsi sui singoli territori, avvicinandoli anche fisicamente alle imprese. Cadore e Feltrino sono aree emblematiche per l’occhialeria e meritano tutta l’attenzione possibile - sottolinea Franzoia -. Il primo corso su Feltre è stato chiuso con un’ottima partecipazione, adesso ci spostiamo in Cadore con l’obiettivo di coinvolgere quante più aziende possibile».

Per il comparto dell’eyewear, Reviviscar punta molto sulle tematiche dell’internazionalizzazione e non potrebbe essere altrimenti. «L’Italia è il primo produttore mondiale di occhialeria con un fatturato che si aggira sui 4 miliardi di euro. Il 90% di questa cifra arriva dalle esportazioni - prosegue Franzoia -. Questo ci dice che le dinamiche mondiali e le norme che regolano la circolazione delle merci sono tematiche che i dipendenti dell’occhialeria non solo devono conoscere, ma in taluni casi prevedere. Questi corsi offrono gli strumenti per farlo».

 

Ancora code sull'Alemagna. Stavolta già dalle 15

C’è il rischio di essere ripetitivi a parlare di traffico lungo la Statale 51. Il problema è che è il traffico a essere ripetitivo. Quasi noioso.

Anche oggi, come ogni domenica di sci che si rispetti, ecco puntuali le code lungo l’Alemagna. Anzi, più che puntuali: decisamente in anticipo. Perché i primi intasamenti si sono formati già attorno alle 15, all’altezza di Longarone; quindi ben prima della chiusura delle piste e ben prima del solito. Non che il numero di automobili sia aumentato rispetto alle ultime domeniche. Solo che gli imbuti sono sempre gli stessi. Quindi, serpentoni di macchine ad andatura lenta tra Cortina e Tai, qualche tratto a passo d’uomo a San Vito e a Valle; e poi colonne da Termine di Cadore all’imbocco dell’autostrada. Il tutto già a metà pomeriggio, tra le 16 e le 17. La domanda degli automobilisti è sempre la stessa: quando saranno pronte le varianti del Piano Anas? Il quesito però può avere anche una variante: ha senso andare in montagna e fare il pieno di relax, per poi esaurirlo stando tre ore fermi, dentro l’abitacolo di una macchina? E tra un anno esatto ci sono i Mondiali a Cortina...

 

niq multimedia s.r.l.s.

Via degli Agricoltori, 11
32100 BELLUNO

Codice Fiscale e Partita IVA: 01233140258

Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019